Traslocare Home Pack: Fastweb continua a ignorare il problema

Il trasloco del contratto Home Pack di Fastweb continua a creare problemi
Mi vedo costretto nuovamente a segnalare una pessima gestione delle problematiche di trasloco dell’abbonamento Home Pack da parte, nello specifico di Fastweb.

Questa volta la segnalazione ci arriva dal signor Teo che, esasperato dal comportamento ridicolo tenuto da Fastweb ha pensato bene di inviare una richiesta di chiarimenti che prospetta anche il ricorso alle vie legali.

La storia in breve

La situazione è sempre la stessa: Fastweb si rifiuta di traslocare i contratti Home Pack (laddove invece per Sky non ci sono problemi) anche in quei casi in cui non vi sono impedimenti tecnici specifici. Non solo. Oltre a rifiutarsi di traslocare l’abbonamento, Fastweb pretende dagli utenti il pagamento dei costi di disattivazione e continua a fatturare anche quando il servizio non è più attivo, appunto perché l’utente ha cambiato abitazione.

Nel caso kafkiano di Teo, Fastweb ha persino impedito la portabilità del numero di telefono verso Wind Infostrada, lasciandolo quindi nell’impossibilità di avere una linea telefonica/adsl nella sua nuova abitazione.

Si aggiunga al mix la totale mancanza di buon senso da parte di Fastweb e del servizio clienti, che lasciano il signor Teo in balia di comunicazioni contraddittorie, di reticenze inspiegabili e di fatture da pagare, con tanto di minaccia di iscrizione al CRIF (cioè, semplificando, la banca dati che registra i cattivi e i buoni pagatori in campo creditizio e non solo).

Nella speranza di aiutare Teo e altri utenti nella stessa situazione, così come era accaduto con Matteo, riporto integralmente la sua comunicazione così come me l’ha fatta pervenire.

La lettera di Teo a Fastweb

Spettabile FASTWEB.

Sono Teo Calvaresi In data 4/01/2013 Mi rivolgevo al VS servizio clienti per comunicare la necessità di un trasferimento di utenza HOMEPACK da un’abitazione ad un’altra. Mi e’ stato mandato via mail il modulo di richiesta che ho provveduto a reinviare in data 9/1/2013.

In data 12/1/2013 ricevevo sms in cui mi si diceva che il trasloco era impossibile. Chiamavo immediatamente il servizio clienti che, confermandomi l’impossibilità di effettuare il trasferimento, tuttavia non mi dava una soluzione al problema, costringendomi di fatto alla richiesta di portabilità verso altro operatore. Mi si faceva notare che la chiusura del contratto comportava costi di cessazione che non avevo nessuna intenzione di pagare in quanto il disservizio non era a me imputabile e contestualmente richiedevo un contatto con una unità di retention per convenire all’esito della controversia.

Detta richiesta di portabilità è stata effettuata il 21/1/2013, cioè 10 gg dopo la presentazione del mio problema, proprio per dar tempo alla Vs Azienda di mettersi in contatto con me. Proprio a causa di questa situazione, ho provveduto a contestare gli accrediti con il quale provvedevo al pagamento del servizio, confidando di poter risolvere la questione prima della successiva fatturazione. Durante questo periodo, però, la portabilità verso WIND INFOSTRADA non è andata a buon fine per motivi tecnici che né Voi né loro mi hanno saputo contestualizzare.

Durante il contatto telefonico del 13/2/2013, mi è stato anche comunicato che, oltre alla fatturazione di Gennaio ’13, era stata emessa una fattura di usufrutto di Febbraio ’13 che ha del paradossale. Nel Febbraio 2013 sono andato a chiedere informazioni in un punto vendita Fastweb di Roma che non è stato in grado di darmi alcuna informazione inerente alla mia posizione, e mi ha consigliato di mandare disdetta del contratto in essere per avere la possibilità di essere contattato da un servizio retention a cui avrei potuto esporre le mie problematiche. Questa disdetta è stata inviata ad inizio Marzo 2013 tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, per cui, come stabilito dal decreto Bersani, avrebbe dovuto impattare a fine mese successivo l’arrivo della comunicazione, ossia FINE APRILE.
Contestualmente chiedevo un rimborso come da contratto per omissione di servizio non dovuta a colpe del cliente. Nel frattempo la fatturazione andava proseguendo senza che La Fastweb srl si degnasse di un contatto atto a risolvere la controversia.

Io, per buon senso e per dimostrare volontà di conciliazione, ho provveduto a pagare tramite bollettino postale l’importo da corrispondere per il servizio SKY, dimodochè non mi interrompessero il servizio di cui mi giovavo.L’unico contatto OUTBOUND che ho ricevuto, è stato quello di una operatrice che (per trasparenza, lei citando) mi comunicava l’avvenuto della fattura di aprile come “risarcimento” per il disservizio. La mia risposta piccata credo abbia generato una mala gestio della pratica che risultava infatti chiusa per disinteresse del cliente.

In occasione della fatturazione di Marzo, Fastweb si e’ premunita di prelevare dal mio conto corrente non solo l’importo in scadenza, ma TUTTO LO SCADUTO oggetto di contenzioso.Questo mi ha spinto a contestare ulteriormente tale prelievo forzoso, contestazione che mi è stata accettata dalla banca, con il conseguente storno contabile) ed a chiudere definitivamente il RID bancario.
Conseguenzialmente, mentre la fattura di Marzo presentava un debito di € 275.97, la fattura di Aprile risultava a € 0.00 con un credito da parte di Fastweb. All’avvenuto impatto della contestazione della mia banca, esattamente il 4/5/2013, il servizio SKY mi e’ stato sospeso per mancati pagamenti.Telefonando l’indomani al servizio clienti, l’operatore, non potendo tecnicamente vedere l’avvenuto storno, mi riattivava la visione.

Il 12/05 mi arriva una mail in cui mi si comunicava che il mio problema era stato preso in carico da un fantomatico ufficio competente. Il 16 Maggio 2013 la visione di SKY mi e’ stata nuovamente interrotta, ma questa volta l’operatore visualizzava a sistema la situazione e NON mi ha riattivato il servizio, facendomi presente addirittura che rischiavo l’iscrizione al CRIF. Fermo restando il mio utilizzo di SKY, che ho provveduto personalmente a spostare in quanto la casa era predisposta e che ho intenzione di pagare e di continuare a sfruttare, tuttavia il servizio di rete FASTWEB risulta non utilizzato dal 4/1/13 per cause non dipendenti dalla mia volontà.

Al fine di poter concertare un esito positivo della questione, Vi prego di contattarmi telefonicamente al più presto. Non avevo nessuna intenzione di privarmi del VS servizio, ma le vostre mancanze a livello organizzativo mi hanno portato un notevole disagio che, con un minimo di cooperazione commerciale, si sarebbe potuto evitare.

Certo di un vostro VELOCE riscontro, Vi Porgo Distinti Saluti.

PS: in data odierna Tale Comunicazione è stata inoltrata anche al sito del CODACONS ed allo Studio Legale di Livorno che, se non sarò contattato entro 7 giorni per dirimere la questione, si riserverá di operare a tutela dei miei diritti di consumatore.

Considerazioni conclusive

Così come era accaduto nel caso di Matteo e degli altri utenti che mi avevano contattato per problematiche inerenti il trasloco del contratto Home Pack verso altra abitazione, segnalerò questo articolo agli addetti alla comunicazione Fastweb attivi sui social network, sperando in questo modo di smuovere le acque attraverso una discussione pubblica cui Fastweb non si potrà sottrarre.

Ti prego quindi di diffondere questo articolo tramite i social network cliccando sui bottoncini qui a sinistra. In questo modo, la protesta di Teo acquisirà maggiore visibilità e costringerà Fastweb a fornire risposte chiare e a risolvere una volta per tutte questo stillicidio kafkiano in cui, a quanto pare, molti utenti incappano.

Invito inoltre Teo a tenerci informati sull’evolversi della questione commentando qui sotto e tutti gli utenti nelle stesse condizioni di non esitare a condividere la propria esperienza qui su Offerte Internet o sui nostri profili social (Facebook, Twitter, Google+).

Lascia un commentoSe hai avuto esperienze simili o se semplicemente vuoi sostenere la posizione di Teo, scrivi pure qui sotto e condividi l’articolo sul tuo social network preferito tramite i bottoni qui a sinistra.

2 Commenti

  • sergio dice:

    stessa situazione

    • Emanuele Feliziani dice:

      Ciao Sergio e benvenuto.

      Purtroppo ho ricevuto numerosissime segnalazioni relativamente a questa problematica e Fastweb non sembra avere ancora preso provvedimenti per risolvere la questione.

      Hai provato a contattare l’assistenza tramite social network?

      Proverò a segnalare la cosa nuovamente a Fastweb io stesso, ma se provi anche tu potrebbero darti assistenza.

      Se posso aiutarti in qualche modo, fammi sapere.

      A presto!

Dimmi la tua

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati da: *

*

Non userò la tua mail per mandarti pubblicità, né la cederò ad altri. Tengo alla tua privacy come tengo alla mia. Ti ringrazio per il commento.

Non userò la tua mail per mandarti pubblicità, né la cederò ad altri. Tengo alla tua privacy come tengo alla mia. Ti ringrazio per il commento.