Il trasloco con Fastweb e altri operatori: come proteggersi dalle insidie

Come traslocare le offerte internet

Questo post è gentilmente offerto da Michele Vitale, dell’associazione BastaBollette.it che fornisce tutela legale ai consumatori in caso di contenziosi con gli operatori di telefonia.

Il trasloco della linea telefonica: un’operazione apparentemente semplice ma che nasconde nella pratica numerose insidie. Non sono pochi, infatti, i casi di ritardo o fallimento del trasloco riscontrati dalla nostra associazione di tutela dei consumatori (bastabollette.it) dovuti ai motivi più diversi (morosità, indisponibilità tecnica, malfunzionamenti vari, omesso invio del modem aggiornato e così via).

Vediamo in dettaglio come si struttura un’operazione di trasloco, analizzando i vari punti a cui prestare attenzione per evitare brutte sorprese. Per semplicità, prendiamo come esempio l’operatore Fastweb, ma il procedimento è del tutto analogo anche per le altre compagnie telefoniche, come Wind, Telecom, Vodafone, Teletu e così via.

Innanzitutto, prima di avviare un trasloco Fastweb (o con altro operatore) dobbiamo essere sicuri di non avere fatture in pendenza. In questo caso, occorre regolarizzare la posizione debitoria: gli insoluti sono motivo di fallimento nel trasloco della linea telefonica.

Fatta questa verifica, potremo procedere a compilare il modulo cartaceo dedicato alla richiesta di trasloco e a  inoltrarlo a Fastweb via fax. In alternativa, la richiesta può essere fatta tramite il modulo elettronico presente sulla propria MyFastPage oppure con la registrazione vocale (che ha la medesima validità delle altre richieste). Teniamo presente che la richiesta di trasloco ha un costo, spesso piuttosto salato.

Una volta recepita la richiesta, Fastweb ha 30 giorni di tempo per effettuare le verifiche tecniche necessarie, delle quali deve rendere conto al cliente. L’utente deve essere a conoscenza della fattibilità tecnica del trasloco, che in caso contrario prevede tempi più prolungati. Ipotizzando che i test abbiano avuto esito positivo, Fastweb ha 30 giorni di tempo per portare a termine il trasloco della linea telefonica. I più fortunati possono fruire della linea presso la nuova postazione nei tempi prestabiliti, ma numerosi utenti lamentano ritardi – spesso piuttosto importanti – nell’allaccio della nuova linea, i quali comportano disagi di vario  genere.

Nel migliore dei casi, la linea viene attivata in ritardo, nei peggiori, la linea non viene proprio attivata. Come comportarsi in questi casi? Per prima cosa, il nostro consiglio è quello di non dare disdetta del contratto.

La disdetta in pendenza del trasloco, infatti, non viene sempre recepita correttamente da Fastweb, che continua a fatturare nonostante l’assenza di servizi.  Inoltre, la disdetta limita o elimina l’inadempimento di Fastweb, non più vincolata al contratto ormai disdetto.

Il passo da compiere è invece quello del reclamo scritto, da inoltrare via fax, mail o raccomandata A/R. Ricordate di conservare copie dei reclami con relativi rapporti d’invio e ricevute che provino l’inoltro del reclamo.

Frequentemente su una stessa linea si presentano più disservizi. E infatti il ritardo nel trasloco è spesso accompagnato da assenza di linea (il trasloco non viene effettuato), malfunzionamento nella rete internet o nella linea voce o assenza dell’uno o dell’altro.

In questi casi, ogni reclamo va corredato di un oggetto specifico e differente per ogni problematica. Ricordiamo che Fastweb ha l’obbligo di allacciare la linea entro i 30 giorni successivi alla comunicazione di fattibilità tecnica.

In caso contrario, è bene far valere i propri diritti agendo nelle sedi opportune. La nostra Associazione ha gestito numerosi casi di questo genere, riportando buoni risultati anche in casi di pesante disservizio.

Tutelarsi , quindi è possibile. Ecco una rapida guida da seguire:

  1. Nel caso in cui la linea non venga allacciata, funzioni male o per niente, bisogna inviare reclamo scritto indicando – con precisione – di quale malfunzionamento si è vittima;
  2. Fastweb ha 30 giorni per rispondere: attendi un riscontro dalla Società di Telecomunicazioni;
  3. Nel caso di mancata risposta o risposta non esauriente, puoi rivolgerti direttamente ai Corecom oppure a un’Associazione – come Bastabollette – in grado di fornirti assistenza professionale e gratuita in caso di ricorso al Corecom;
  4. Una volta presentato il ricorso, attendi pazientemente l’esito del ricorso (potenzialmente sempre positivo) senza dare disdetta del contratto.

Se anche tu  hai subìto un ritardo nel trasloco Fastweb (o altro operatore), non esitare a contattarci inviando una mail ad aiuto@bastabollette.it, lasciando un commento qui sotto, oppure visitando il nostro sito bastabollette.it e compilando il box assistenza presente sulla Home Page: un nostro consulente  sarà lieto di risponderti in tempi rapidi.

Michele Vitale

Bastabollette – Associazione di tutela dei consumatori

Lascia un commento su Offerte InternetSei incerto sulla procedura o qualcosa non ti è chiaro? Lascia pure un commento qui sotto e ti risponderò io stesso o Michele Vitale.

4 Commenti

  • Massimo Papa dice:

    Buongiorno , ho chiesto il trasloco della mia linea adsl ( joy ) a fastweb gia da 3 settimane ma purtroppo nessuna notizia anzi dopo una mia telefonata di sollecito l’operatrice mi ha anche risposto in maniera sgarbata…comunque vorrei saper se dopo i 45 giorni che si prende fastweb non succede niente , come dovrei comportarmi ? Grazie
    Massimo

    • Emanuele Feliziani dice:

      Ciao Massimo e benvenuto.

      Per problemi di questo tipo, generalmente è opportuno rivolgersi a una associazione di consumatori. Io generalmente indirizzo i miei utenti a bastabollette.it. Forniscono consulenze gratuite ai consumatori in difficoltà con gli operatori telefonici.

      Loro sapranno sicuramente aiutarti.

      Spero che la mia indicazione ti sarà d’aiuto nel risolvere il tuo problema.

      A presto!

  • Bastabollette dice:

    Salve Ruggiero,
    La nostra associazione non addebita mai alcun costo al cliente e di solito garantisce anche il risultato favorevole.

    Buona giornata

  • ruggiero dice:

    Buongiorno, vorrei sapere una cosa. Nel caso il ricorso si dovesse perdere, a livello di costi a cosa vado incontro?? attendendo un vostro riscontro vi auguro una buona giornata

    Saluti
    Ruggiero

Dimmi la tua

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati da: *

*

Non userò la tua mail per mandarti pubblicità, né la cederò ad altri. Tengo alla tua privacy come tengo alla mia. Ti ringrazio per il commento.

Non userò la tua mail per mandarti pubblicità, né la cederò ad altri. Tengo alla tua privacy come tengo alla mia. Ti ringrazio per il commento.