Scaricare byte in bit: velocità adsl e marketing

Velocità adsl - Offerte internetCome si calcola la velocità adsl? Partiamo con un po’ di matematica. Navigando attorno ai 6Mbps, per scaricare un file da 30MB dovresti impiegare circa 5 secondi, giusto? Invece ce ne metti mediamente oltre 40. Come mai? In questo articolo proverò a spiegarti con parole semplici come viene calcolata la velocità adsl e come valutare i dati forniti dagli operatori per le proprie offerte internet.

Perché scarichiamo i byte in bit?

Bella domanda. Prima di rispondere, però, cerchiamo di chiarire il quadro generale. Al lettore più accorto non sarà sfuggito un particolare della frase di apertura: 6Mbps e 30MB. Una b è minuscola, l’altra è maiuscola. Non si tratta di ortografia creativa. Il primo acronimo sta per Megabit-per-second, il secondo per MegaByte. La differenza è più grande di quanto sembri. Il bit è infatti l’ottava parte del byte, cioè per arrivare a un byte ci vogliono 8 bit. Detto in soldoni, e rapportando il calcolo alla velocità adsl delle più comuni offerte internet, possiamo dire che 7Mbps equivalgono a 875KBps (7Mb=7.000Kb/8=875KBps).

La domanda, quindi, era: perché anche se l’unità di misura più comunemente adottata in informatica è il byte, le compagnie telefoniche promuovono le offerte internet in Megabit? La risposta non può che essere: marketing. Promuovere offerte internet puntando sui mega è molto più efficace che snocciolare la strana sigla KBps, sconosciuta ai più.

Fino a: promesse da marinaio

Ovviamente questa non è l’unica magia dei marketer. Un’altra tattica per aumentare l’appeal comunicativo delle offerte internet consiste nell’uso delle due paroline: fino a. Queste vogliono sollevare la coscienza dei gestori riguardo al fatto che in realtà i 7 mega che credi di pagare sono un semplice miraggio pubblicitario. Alla cifra che ti hanno promesso, puoi generalmente togliere un paio di unità, se ti va bene. Io, con Absolute adsl di Infostrada, ho la fortuna di viaggiare stabilmente sopra ai 6Mbps, ma questo mio è un caso piuttosto fortunato.

Standard Image Banner 468 x 60

Nel sottoscrivere le offerte internet, ti consiglio di controllare attentamente la voce banda minima garantita. Questa dovrebbe essere uno strumento per la tutela del consumatore. Ovviamente è la tutela all’italiana, laddove i gestori sono liberissimi di pubblicizzare l’adsl a 7 o 8 mega, anche se la velocità minima che garantiscono è di appena 2Mbps (che tradotto in byte diventa 250KBps).

Altri fattori che influenzano la velocità adsl

La velocità adsl può essere influenzata da un gran numero di fattori. Ecco una lista di quelli più rilevanti:

  • lontananza dalla centrale: il segnale arriva nelle case passando per centrali di smistamento. Come è facile intuire, maggiore è la distanza dalla centrale, più sono gli utenti collegati e quindi minore è la velocità delle singole connessioni;
  • orario di connessione: durante gli orari lavorativi e nelle prime ore della sera, si verifica abitualmente il picco di connessioni contemporanee e questo può causare un rallentamento dovuto alla congestione delle linee;
  • qualità dell’hardware di connessione: spesso non ci si pensa, ma la qualità del proprio modem wifi (e ovviamente del router) influisce notevolmente sulla velocità di navigazione, soprattutto se si ha un modem di tipo 802.11g e nella propria zona vi sono connessioni più moderne di tipo 802.11n. Queste, infatti, possono creare interferenze che impediscono navigazioni stabili per i dispositivi più vecchi. Se hai un modem wifi di vecchio tipo, ti consiglio vivamente di dare un’occhiata a questo strumento di grandissimo livello. Inoltre, un computer vecchio potrebbe ricevere dati a una buona velocità, ma non riuscire a processarli altrettanto rapidamente, rallentando così l’esperienza dell’utente;
  • software inadeguato: impostazioni non corrette di firewall e antivirus; programmi di download o peer-to-peer; spyware e malware. Inoltre, browser web sovraccarichi di componenti aggiuntivi appesantiscono notevolmente la memoria del computer, rallentando l’esperienza dell’utente. Infine, ti consiglio vivamente di disfarti di Internet Explorer e di passare a Google Chrome: è leggero, è bello, è veloce, è gratuito!

Limiti al peer-to-peer

Infine, tieni presente che i gestori di offerte internet hanno dei filtri per bloccare o limitare abusi di banda legati al peer-to-peer. Per intenderci, scaricare decine e decine di gigabyte di file da eMule può portare a una riduzione della velocità di navigazione limitatamente al peer-to-peer (mentre la velocità adsl per navigare normalmente resta invariata). Questi limiti vengono imposti da quasi tutti i gestori a diversi livelli, ma in genere Telecom può permettere ai propri utenti maggiori abusi di banda, in quanto proprietaria di buona parte della infrastruttura di connessione in Italia. Le politiche delle aziende in relazione al peer-to-peer sono in continua evoluzione, per cui non posso darti indicazioni precise al riguardo. Fai comunque sempre riferimento al contratto di fornitura del servizio per avere notizie più precise al riguardo.

Upload e velocità ping

Per concludere, avrai notato che le offerte internet hanno velocità diverse per il download e per l’upload. Questo è parte della natura stessa dell’adsl, il cui acronimo sta per Asymmetric Digital Subscriber Line, cioè Linea Digitale Asimmetrica. In soldoni, l’innovazione di questa tecnologia (per la verità non più giovanissima) fu quella di riservare più banda al download che all’upload, in quanto l’utente medio scarica dalla rete molto più di quanto non invii.


L’evoluzione del cosiddetto Web 2.0, cioè la tendenza a una partecipazione attiva da parte dell’utente alla creazione di contenuti in rete, ha in parte modificato queste necessità. Ad esempio, caricare video su YouTube o foto su Flickr sono oggigiorno pratiche comuni per centinaia di milioni di utenti in tutto il mondo. Questo ha spostato l’evoluzione della tecnologia verso una maggiore velocità adsl anche per quanto riguarda l’upload. I provider italiani stanno seguendo in parte questa tendenza, cercando di garantire maggiore velocità adsl in upload per le loro offerte internet. Ad esempio, la fibra ottica consente una stessa banda di trasmissione sia in download che in upload.

Fattore fondamentale per l’esperienza dell’utente durante la navigazione, e in particolare per chi ama videogiocare online contro avversari in carne ed ossa, è la velocità ping. Cercando di semplificare, la velocità ping misura il tempo – esperesso in millisecondi – che impiega una comunicazione partita dal nostro computer per arrivare al server e tornare indietro. In termini tecnici: il tempo di latenza. Chiaramente, durante l’azione di un videogioco, questo fattore influenza la velocità di risposta delle nostre azioni rispetto alle reazioni degli avversari di gioco. Più il ping sarà basso, più il gioco si svolgerà in tempo reale. Offerte internet specifiche come Internet Play di Telecom Italia sono pensate appositamente per velocizzare i tempi di latenza – in altre parole abbassare il ping – e garantire esperienze di gioco particolarmente fluide.

Controllo velocità adsl

Per concludere, puoi eseguire un controllo velocità adsl in uno dei tanti siti specializzati (io ti consiglio speedtest.net) e sapere se è ora di cercare nuove offerte internet per aumentare la tua velocità adsl.

Grazie ai consigli che ti ho appena dato, potrai scegliere l’adsl più adatta alle tue necessità ed evitare le trappole comunicative tese dai gestori nel pubblicizzare le offerte internet. Infine, ti ricordo di nuovo di dare un’occhiata a questo modem wifi per cominciare fin da subito a migliorare la tua connettività domestica.

Dimmi la tua su velocità adsl e pingHai trovato interessante le mie indicazioni sulla velocità adsl? Vuoi sapere di più su come ottimizzare il ping? Lasciami un commento qui sotto.

9 Commenti

  • Sergio dice:

    Ciao Emanuele.Cosa mi puoi dire su wifi4all.Grazie e saluti.

    • Emanuele dice:

      Ciao Sergio e bentornato.

      Non conosco bene wifi4all. Stasera mi informo meglio e ti dico, ok?

      Scusa se ti faccio aspettare!

      • Emanuele dice:

        Ciao Sergio, eccomi qua. Scusa se ti ho fatto aspettare.

        Come ti dicevo, non conoscevo questa compagnia, anche perché fornisce soltanto alcune zone del nord Italia (Veneto e Friuli soprattutto, ma anche l’area di Ferrara in Emilia), mentre io sono nelle Marche.

        Chiaramente questo servizio si rivolge a quelle zone non coperte dal servizio adsl via cavo. Infatti il servizio non prevede l’installazione di una linea fissa e viaggerà su onde radio, quindi via wifi.

        Però a meno che tu non sia in zone non raggiungibili dalla connessione adsl tradizionale, mi sentirei di sconsigliarti questo servizio. I costi potrebbero sembrare bassi a un primo sguardo, ma poi se si va a vedere nel dettaglio, la velocità della linea non è all’altezza delle linee fisse degli operatori tradizionali (per così dire) a parità di prezzo. Preoccupa in particolare la velocità minima garantita che è davvero bassa rispetto agli standard odierni. Inoltre, le linee wifi sono spesso meno stabili di quelle fisse.

        Nel dettaglio, le offerte per i privati partono da una entry-level a 9,90€ per 1 mega (minimo garantito di 32kbps). La promozione di livello superiore, prevede tre bande, 3 (128kbps di minimo), 4 e 5 mega (192kbps di minimo). Quest’ultima promozione parte da 19,90€ al mese per la banda inferiore (3 mega), mentre non ci sono indicazioni precise per le altre.

        A questo va aggiunto un contributo di attivazione di 79,90€ per entrambi i piani tariffari.

        Voglio chiarire che queste aziende svolgono un servizio eccezionale, investendo molti soldi per portare internet nelle case di molte persone non raggiunte dall’adsl tradizionale. Le tariffe non sono neanche malaccio in sé, anzi, lo sono soltanto comparandole ai normali servizi adsl, che ovviamente hanno tutt’altre economie di scala per cui possono fornire servizi molto migliori a prezzi uguali o di poco superiori.

        Ripeto, per tutti coloro che non sono raggiunti dalle linee fisse, questa è una manna dal cielo e il servizio svolto da queste aziende è fondamentale per la modernizzazione di un paese come il nostro in cui a molti cittadini è ancora precluso l’accesso alla rete, a causa dell’inerzia delle grandi compagnie e della cecità delle istituzioni.

        Al momento, però, la qualità delle connessioni su rete fissa è superiore. Difficile prevedere lo sviluppo delle tecnologie nei prossimi mesi o anni. L’Italia purtroppo è indietro sia con le reti tradizionali che con il wifi che pure con i servizi di trasmissione 3G (al 4G per ora non ci pensiamo nemmeno, mentre all’estero sta prendendo sempre più piede, specie ora con il nuovo iPhone 5 e con tutti quelli che seguiranno).

        Quindi per quanto ti riguarda, se non sei raggiunto da rete fissa, questa è una ottima opportunità per connetterti spendendo cifre dignitose, ma se hai la possibilità di collegarti alla infrastruttura fissa, probabilmente in questo momento è ancora una scelta più conveniente in termini di qualità.

        Spero di esserti stato d’aiuto. Scusami ancora se ci ho messo un po’ a risponderti, ma volevo evitare di darti informazioni incomplete.

        Se hai bisogno d’altro, torna pure a trovarmi.

        A presto!

  • Sergio dice:

    Ciao Emanuele,con il WebCube arrivo a malapena a 1Mbps, cosa mi consigli di fare? cambiare compagnia? attivare una linea telefonica? Saluti.

    • Emanuele dice:

      Ciao Sergio e grazie per essere tornato a farmi visita.

      Purtroppo le connessioni al telefono fisso sono molto più stabili e performanti di quelle wireless, e questo a prescindere dalla compagnia. Un mega è veramente poco se fai un uso appena più che “normale” della rete. Anche solo guardare un video su youtube a una qualità dignitosa può diventare un’esperienza frustrante.

      Finché le linee wireless non arriveranno ad una qualità decente, sia in termini di velocità internet che in termini di stabilità delle connessioni, il mio consiglio è quello di attivare una linea di casa. Per chi non vuole la scocciatura (e il costo) delle line telefoniche, si possono attivare contratti adsl senza telefono, talvolta a prezzi davvero convenienti. Se sei spaventato perché non hai una linea telefonica in casa e credi che dovranno sventrarti i muri di mezzo appartamento, puoi stare tranquillo, perché i lavori sono in genere molto poco invasivi e sono inclusi nei costi che vedi elencati qui sul mio sito o comunque sulle pagine degli operatori telefonici (fai solo attenzione ai termini delle condizioni: ad esempio per alcuni i costi di attivazione sono gratuiti solo per contratti superiori a tot mesi).

      Se vuoi farti un giro su queste pagine, potrai trovare diverse informazioni e se hai qualche curiosità che non trovi soddisfatta, puoi tranquillamente chiedere.

      Al tuo caso, mi pare si adattino meglio le offerte internet senza telefono, per cui qui puoi trovare alcune opzioni. In questi giorni sto ristrutturando le pagine del sito per renderle più facilmente navigabili dagli utenti, ma per ora dovrai accontentarti. Spero di rendere effettive le modifiche in settimana, così potrò riprendere a pubblicare nuove offerte e ad arricchire il sito.

      Ti segnalo intanto le offerte internet senza telefono:

      Spero di esserti stato d’aiuto. Se hai bisogno d’altro, chiedi pure. Se credi, puoi seguirmi e cliccare MiPiace su Facebook, Twitter o Google+ e aiutarmi così a diffondere il servizio.

      Grazie di nuovo e a presto!

  • Sergio dice:

    Ciao Emanuele, scusami non ti ho detto che ho l’abbonamento webcube grazie e saluti

    • Emanuele dice:

      Ah, ok, allora lascia stare le nuove chiavette, perché non dovrebbero cambiare granché. Il WebCube, almeno stando alle caratteristiche fornite sul sito della Tre, non supporta lo standard di connessione 802.11n, ma solo le versioni precedenti 802.11b e 802.11g (quelle supportate anche dalla tua chiavetta). Il WebCube non sembra essere particolarmente performante in termini di trasmissione, per cui ti sconsiglio di collegare contemporaneamente più dispositivi. Inoltre, ovviamente, c’è il fattore ricezione del segnale. Puoi andare qui ed eseguire un test di velocità per conoscere la tua banda di navigazione.

      Per tornare alla tua domanda, ripeto, la chiavetta va benissimo, non serve cambiarla.

      A presto!

  • Sergio dice:

    Ciao Emanuele,ho l’abbonamento con la tre,il netgear n150 wireless usb adapter wna 1100 va bene. mi sembra lento, grazie e complimenti.

    • Emanuele dice:

      Ciao Sergio, benvenuto e grazie a te!

      La chiavetta che mi segnali è un wireless adapter, non una chiavetta per navigazione in mobilità, quindi immagino che ti agganci alla Tre tramite una chiavetta collegata a un router, dico bene?

      La Netgear n150 wna 1100 è un po’ datata e non proprio eccellente nelle prestazioni. Prima di considerare di cambiarla (la spesa è tutt’altro che insostenibile e poi ti do un paio di link), accertati che i problemi siano davvero relativi alla wna 1100. Ad esempio: puoi provare a collegare il tuo dispositivo direttamente alla chiavetta e vedere se la situazione migliora, oppure collegare il router al dispositivo tramite un cavo. Se non vedi differenze, è probabile che il problema sia relativo alla chiavetta che usi per collegarti alla Tre oppure alla rete stessa.

      Se invece noti che la navigazione è molto più fluida, allora ti conviene cambiare chiavetta. qui trovi una vasta scelta a prezzi spesso scontati. Posso consigliarti questa
      che costa un po’ meno, oppure ci sono questa qui
      e quest’altra, che è uscita nel 2012,
      che invece garantiscono performance superiori ma costano un pochino di più.

      Spero di esserti stato d’aiuto. Se ti serve altro, chiedi pure.

      A presto!

Dimmi la tua

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati da: *

*

Non userò la tua mail per mandarti pubblicità, né la cederò ad altri. Tengo alla tua privacy come tengo alla mia. Ti ringrazio per il commento.

Non userò la tua mail per mandarti pubblicità, né la cederò ad altri. Tengo alla tua privacy come tengo alla mia. Ti ringrazio per il commento.